Zelensky prevede offensiva russa

Il presidente ucraino Zelensky
Reuters Il presidente ucraino Zelensky

La Russia tenterà un'altra offensiva a fine maggio o in estate. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in conferenza stampa a Kiev.

"Vivremo momenti difficili nei prossimi mesi... dovremo affrontare varie ondate di pressione politica, finanziaria", ha detto citato da Sky News. "La Russia preparerà la sua controffensiva all'inizio dell'estate o alla fine di maggio, se potrà".

"Saremo preparati per la loro battaglia", ha assicurato il leader ucraino, aggiungendo che l'offensiva russa iniziata in ottobre è stata finora "improduttiva".

Hamas accusa Netanyahu

Palestinesi a Rafah dopo essere stati sfollati dall'ospedale Nasser
Reuters Palestinesi a Rafah dopo essere stati sfollati dall'ospedale Nasser

"Le parole di Netanyahu dimostrano che non è preoccupato dal raggiungere un accordo" sugli ostaggi. Lo ha detto all'agenzia Reuters il funzionario di Hamas Sami Abu Zuhri, commentando le dichiarazioni del premier israeliano a Cbs.

Zuhri accusa inoltre Netanyahu di voler "proseguire le trattative sotto i bombardamenti e il bagno di sangue" dei palestinesi.

Intanto, oggi è stata ancora una giornata di tensione elevata nel nord di Israele. Secondo gli aggiornamenti divulgati dal portavoce militare, razzi sono stati lanciati dal Libano anche verso i villaggi di frontiera.

"31'000 soldati ucraini morti"

Immagine d'archivio
Keystone Immagine d'archivio

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato giovedì, nel corso di una conferenza stampa, che 31'000 soldati di Kiev sono stati uccisi dall'inizio dell'invasione russa, due anni fa.

L'annuncio è stato fatto in occasione della pubblicazione un primo rapporto ufficiale. E' la prima volta che Kiev fornisce chiaramente questa cifra, non verificabile in maniera indipendente.

Zelensky ha aggiunto che non può riferire sul numero di feriti, sostenendo che questa informazione aiuterebbe l’esercito di Mosca. Quest'ultimo, secondo il capo di Stato ucraino, registrerebbe 180'000 militari morti nel conflitto.

"Vertice a primavera"

Volodymir Zelensky
Keystone Volodymir Zelensky

Il Paese non può perdere "l'iniziativa diplomatica" e spera che in primavera si tenga in Svizzera un vertice di pace, in vista del quale si prepari con i partner dell'Ucraina di un piano di pace che poi verrà consegnato alla Russia.

Lo ha detto domenica il presidente Volodymyr Zelensky in conferenza stampa, rispondendo ad una domanda sul sostegno a Kiev.

Parlando di guerra, il leader ha detto che "lavoriamo da tempo sulle armi a lungo raggio e ho uno stato d'animo positivo per le recenti risposte dei nostri partner al riguardo". Zelensky si è detto inoltre "sicuro" che il Congresso USA voterà gli aiuti militari.

Israele, Netanyahu: "Voglio un accordo"

Il premier israeliano Netanyahu
Keystone Il premier israeliano Netanyahu

"Stiamo lavorando a un accordo sugli ostaggi. Voglio arrivare a un’intesa. Non so se la raggiugeremo, ma se Hamas riducesse le sue richieste deliranti, allora un accordo ci sarebbe".

E' uno dei passaggi dell’intervista che il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha concesso alla CBS. Hamas, ricordiamo, aveva chiesto un "cessate il fuoco completo" e il ritiro delle truppe israeliane da Gaza.

Oltre che chiedere ragionevolezza alla controparte, Netanyahu ha anche detto che domenica avrà un incontro per discutere il piano militare che prevede l’evacuazione dei civili palestinesi a Gaza, nonché la distruzione dei battaglioni restanti di Hamas. 

Uccisi 4 monaci ortodossi in Etiopia

Uomini armati legati ai gruppi ribelli Oromo hanno attaccato il monastero di Zequala, a 50 chilometri da Addis Abeba, in Etiopia, dove hanno prelevato e poi ucciso quattro monaci ortodossi. Lo rende noto la fondazione pontificia "Aiuto alla Chiesa che Soffre". Il fatto è accaduto il 22 febbraio.

No elezione diretta

La sede del Governo a Vaduz
keystone La sede del Governo a Vaduz

Il popolo non eleggerà direttamente il Governo del Liechtenstein: la popolazione del principato ha respinto domenica a chiara maggioranza un'iniziativa in questo senso.

I no sono stati  9'309 (68%), per una partecipazione che ha sfiorato il 67%.L'iniziativa popolare è stata lanciata dal piccolo partito Democratici pro Liechtenstein. Chiedeva che il capo del Governo e gli altri quattro membri fossero eletti direttamente dalla popolazione invece che dal Parlamento, come avviene attualmente.

I diritti del Principe nella "monarchia costituzionale ereditaria su base democratica" non sarebbero stati toccati se la proposta fosse stata accettata.

Lukashenko si ricandida per il 2025

Il lseader bielorusso, Lukashenko
Keystone Il lseader bielorusso, Lukashenko

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha annunciato la sua intenzione di candidarsi alle elezioni presidenziali del 2025. "Credetemi, è molto importante, nessuna persona, nessun presidente responsabile lascerà indietro il suo popolo che lo ha seguito in battaglia", ha dichiarato. 

Le precedenti elezioni presidenziali si sono svolte in Bielorussia nel 2020. Dopo il voto nel Paese scoppiarono proteste di massa contro i risultati per diversi mesi.

L'opposizione si è rifiutata di riconoscere i risultati elettorali annunciati dalle autorità e li ha definiti truccati. Lukashenko è al potere in Bielorussia da 30 anni, dal 1994.